Ask.fm e l’anonimato online. Recensione, rischi e come difendersi.

ask fm logoAsk.fm è un sito che si basa sul principio domanda e risposta, creato da un ragazzo lituano di nome Klaves Sinka e lanciato a metà giugno del 2010. Il sito ufficiale è www.ask.fm mentre una pagina interessante dove trovare maggiori informazioni su questo stravagante social network è questa pagina di wikipedia. Di ask sono state sviluppate anche un app per iphone (ios) e una per i dispositivi mobile android.

Ad ogni modo, non è nelle mie intenzioni farvi un trattato sulla storia di ask quanto piuttosto sintetizzarvi in sintesi le modalità di funzionamento e analizzare da un punto di vista sociologico le ragioni del successo che questo sito ha ottenuto negli ultimi anni, in tutto il mondo, ma soprattutto qui da noi in Italia. Vi parlerò inoltre dei rischi e dei pericoli correlati a questo nuovo social network.

Ma come funziona, in sintesi, ask.fm?

Il meccanismo è piuttosto semplice e probabilmente molti di voi già lo conoscono. In pratica gli utenti possono farsi delle domande a vicenda e le risposte vengono pubblicate sulla bacheca di chi ha ricevuto la domanda. Detta così uno potrebbe pensare: “ma non è la stessa cosa che pubblicare una domanda sulla bacheca Facebook di un nostro amico ed aspettare che lui ci risponda”?

No. Non è la stessa cosa. Prima di tutto perchè su Facebook potrebbero commentare/rispondere anche gli amici della persona a cui abbiamo fatto la domanda (mentre su ask.fm solo il diretto interessato può rispondere). L’altro aspetto a mio avviso fondamentale e primario riguarda la modalita “anonima”.

Già, perchè su ask è possibile porre domande in maniera assolutamente anonima ed anzi la modalità anonima è posta di default su ogni domanda. Pertanto il profilo dell’utente che pone la domanda sarà identificabile solo sotto esplicita richiesta dello stesso (in pratica bisogna spuntare una casella per disattivare la modalità anonima prima di inviare la domanda).

Perchè tutto questo successo e chi usa Ask?

Le ragioni del successo di Ask sono direttamente correlabili alla modalità anonima di cui appena parlato. Ask vanta decine di milioni di utenti in tutto il mondo e si tratta principalmente di adolescenti. Sebbene nel regolamento sia chiaramente scritto che bisogna avere almeno 13 anni per iscriversi al sito, di fatto, si trovano anche molti utenti che non hanno ancora raggiunto i 10 anni di vita.

La cosa che salta all’occhio analizzando le statistiche sui visitatori di ask è la nazionalità degli stessi. Pare infatti che l’Italia sia il paese in cui ask ha ottenuto il maggior successo e da cui ha ottenuto il maggior numero di iscritti. Strano no? Esistono paesi infinitamente più grandi del nostro eppure siamo noi italiani i più presenti su ask.

A cosa di deve tutto ciò? Perchè proprio noi italiani primeggiamo numericamente su ask?

Io credo che le risposte potrebbero essere tante ma la mia opinione in merito è piuttosto facile da spiegare. Credo semplicemente che vista la crisi economica e culturale del nostro paese siano tantissimi gli adolescenti abbandonati a loro stessi e che i genitori non hanno il tempo e/o la possibilità di seguire.

Questi ragazzi, profandamente insicuri e tristi, si riversano su ask per dare libero sfogo alla loro frustrazioni (offendendo e denigrando gli altri in forma anonima) oppure per “mettersi in evidenza” e ricevere attenzioni. In fondo ricevere domande non è un po’ come essere intervistati? non ci fa forse sentire un po’ come le star di hollywood?!

Già, perchè su ask.fm ci sono fondamentalmente due tipi di utenti:

– le ragazzine in cerca di attenzioni che vogliono sentirsi belle ed ammirate

– i ragazzi che vorrebbero rimorchiarsi quelle ragazzine ma non hanno il coraggio di un approccio diretto (non anonimo) con loro

Visto che nel nostro paese sia l’istituto della famiglia che le istituzioni scolastiche sono in crisi, io credo fermamente che il successo di ask sia da attribuire a tutto ciò.

Ma perchè tante diatribe a proposito ask? Perchè molti lo ritengono pericoloso e vorrebbero farlo chiudere?

Pare che tanti utenti utilizzino ask per offendere e minacciare in forma anonima (il cosidetto cyberbullismo). Questo ha spinto numerosi ragazzi in tutto il mondo addirittura a suicidarsi e quindi, come potete ben capire, il problema è diventato piuttosto serio. Si stima che solo in italia nell’ultimo anno siano stati ben 8 i suicidi di adolescenti direttamente correlabili al social network Ask.

Ma cosa fare dunque? Davvero chiudere ask potrebbe essere una soluzione al problema?

Io credo che le cose non siano così semplici come si voglia far credere e non penso affatto che chiudere ask risolverebbe il problema, semplicemente perchè oramai l’anonimità in rete va di moda (basti pensare ai market di sostanze illegali come silk road 2.0). E quindi chiuso ask nascerebbero altri siti dello stesso tipo in pochissimi minuti. Lo script su cui è stato strutturato ask è pubblicamente accessibile in rete e pertanto un buon programmatore potrebbe customizarrlo e renderlo operativo davvero in pochissimo tempo.

Esiste davvero una possibile soluzione al problema?

Si la soluzione certamente esiste ma sembra interessare a pochi. Bisognerebbe semplicemente tenere sotto controllo i nostri ragazzi e non lasciarli abbandonati a loro stessi. Insegnare loro quanto gravi possono essere le conseguenze di certe parole scagliate anonimamente online contro qualcuno. Insegnare loro il valore dell’onesta e della chiarezza, piuttosto che la vigliaccheria dei segreti e delle menzogne.

Semplicemente basterebbe insegnare loro che ask è un gioco/social network pensato per aiutare i ragazzi timidi a rompere il ghiaccio e non di certo per aiutare i ragazzi vigliacchi a diventare dei criminali.

Ecco tutto. Semplicemente questo basterebbe ma a nessuno interessa abbastanza e la qui presente situazione è una chiara evidenza della crisi culturale, economica e sociale che attanaglia il nostro tanto amato, (ex) belpaese oramai da troppo tempo.

PS: se sei un ragazzo minorenne e ricevi minacce, avances pesanti o offese su ask per favore non rispondere e racconta tutto ai tuoi. Se i tuoi non sono presenti e non puoi fare affidamento su di loro ignora le domande. Se la persona insiste rispondi semplicemente dicendo che alla prossima domanda andrai a denunciare tutto alla polizia. Se insiste ancora, sporgi regolare denuncia. Le autorità potranno risalire all’autore del reato. Mi raccomando è fondamentale che tu non ti tenga tutto dentro e che non dia spago alla persona che mette in atto certi comportamenti.

ask fm logoAsk.fm è un sito che si basa sul principio domanda e risposta, creato da un ragazzo lituano di nome Klaves Sinka e lanciato a metà giugno del 2010. Il sito ufficiale è www.ask.fm mentre una pagina interessante dove trovare maggiori informazioni su questo stravagante social network è questa pagina di wikipedia. Di ask sono state sviluppate anche un app per iphone (ios) e una per i dispositivi mobile android. Ad ogni modo, non è nelle mie intenzioni farvi un trattato sulla storia di ask quanto piuttosto sintetizzarvi in sintesi le modalità di funzionamento e analizzare da un punto di vista sociologico le ragioni del successo che questo sito ha ottenuto negli ultimi anni, in tutto il mondo, ma soprattutto qui da noi in Italia. Vi parlerò inoltre dei rischi e dei pericoli correlati a questo nuovo social network. Ma come funziona, in sintesi, ask.fm? Il meccanismo è piuttosto semplice e probabilmente molti di voi già lo conoscono. In pratica gli utenti possono farsi delle domande a vicenda e le risposte vengono pubblicate sulla bacheca di chi ha ricevuto la domanda. Detta così uno potrebbe pensare: "ma non è la stessa cosa che pubblicare una domanda sulla bacheca Facebook di un nostro amico ed aspettare che lui ci risponda"? No. Non è la stessa cosa. Prima di tutto perchè su Facebook potrebbero commentare/rispondere anche gli amici della persona a cui abbiamo fatto la domanda (mentre su ask.fm solo il diretto interessato può rispondere). L'altro aspetto a mio avviso fondamentale e primario riguarda la modalita "anonima". Già, perchè su ask è possibile porre domande in maniera assolutamente anonima ed anzi la modalità anonima è posta di default su ogni domanda. Pertanto il profilo dell'utente che pone la domanda sarà identificabile solo sotto esplicita richiesta dello stesso (in pratica bisogna spuntare una casella per disattivare la modalità anonima prima di inviare la domanda). Perchè tutto questo successo e chi usa Ask? Le ragioni del successo di Ask sono direttamente correlabili alla modalità anonima di cui appena parlato. Ask vanta decine di milioni di utenti in tutto il mondo e si tratta principalmente di adolescenti. Sebbene nel regolamento sia chiaramente scritto che bisogna avere almeno 13 anni per iscriversi al sito, di fatto, si trovano anche molti utenti che non hanno ancora raggiunto i 10 anni di vita. La cosa che salta all'occhio analizzando le statistiche sui visitatori di ask è la nazionalità degli stessi. Pare infatti che l'Italia sia il paese in cui ask ha ottenuto il maggior successo e da cui ha ottenuto il maggior numero di iscritti. Strano no? Esistono paesi infinitamente più grandi del nostro eppure siamo noi italiani i più presenti su ask. A cosa di deve tutto ciò? Perchè proprio noi italiani primeggiamo numericamente su ask? Io credo che le risposte potrebbero essere tante ma la mia opinione in merito è piuttosto facile da spiegare. Credo semplicemente che vista la crisi economica e culturale del nostro paese siano tantissimi gli adolescenti abbandonati a loro stessi e che i genitori non hanno il tempo e/o la possibilità di seguire. Questi ragazzi, profandamente insicuri e tristi, si riversano su ask per dare libero sfogo alla loro frustrazioni (offendendo e denigrando gli altri in forma anonima) oppure per "mettersi in evidenza" e ricevere attenzioni. In fondo ricevere domande non è un po' come essere intervistati? non ci fa forse sentire un po' come le star di hollywood?! Già, perchè su ask.fm ci sono fondamentalmente due tipi di utenti: - le ragazzine in cerca di attenzioni che vogliono sentirsi belle ed ammirate - i ragazzi che vorrebbero rimorchiarsi quelle ragazzine ma non hanno il coraggio di un approccio diretto (non anonimo) con loro Visto che nel nostro paese sia l'istituto della famiglia che le istituzioni scolastiche sono in crisi, io credo fermamente che il successo di ask sia da attribuire a tutto ciò. Ma perchè tante diatribe a proposito ask? Perchè molti lo ritengono pericoloso e vorrebbero farlo chiudere? Pare che tanti utenti utilizzino ask per offendere e minacciare in forma anonima (il cosidetto cyberbullismo). Questo ha spinto numerosi ragazzi in tutto il mondo addirittura a suicidarsi e quindi, come potete ben capire, il problema è diventato piuttosto serio. Si stima che solo in italia nell'ultimo anno siano stati ben 8 i suicidi di adolescenti direttamente correlabili al social network Ask. Ma cosa fare dunque? Davvero chiudere ask potrebbe essere una soluzione al problema? Io credo che le cose non siano così semplici come si voglia far credere e non penso affatto che chiudere ask risolverebbe il problema, semplicemente perchè oramai l'anonimità in rete va di moda (basti pensare ai market di sostanze illegali come silk road 2.0). E quindi chiuso ask nascerebbero altri siti dello stesso tipo in pochissimi minuti. Lo script su cui è stato strutturato ask è pubblicamente accessibile in rete e pertanto un buon programmatore potrebbe customizarrlo e renderlo operativo davvero in pochissimo tempo. Esiste davvero una possibile soluzione al problema? Si la soluzione certamente esiste ma sembra interessare a pochi. Bisognerebbe semplicemente tenere sotto controllo i nostri ragazzi e non lasciarli abbandonati a loro stessi. Insegnare loro quanto gravi possono essere le conseguenze di certe parole scagliate anonimamente online contro qualcuno. Insegnare loro il valore dell'onesta e della chiarezza, piuttosto che la vigliaccheria dei segreti e delle menzogne. Semplicemente basterebbe insegnare loro che ask è un gioco/social network pensato per aiutare i ragazzi timidi a rompere il ghiaccio e non di certo per aiutare i ragazzi vigliacchi a diventare dei criminali. Ecco tutto. Semplicemente questo basterebbe ma a nessuno interessa abbastanza e la qui presente situazione è una chiara evidenza della crisi culturale, economica e sociale che attanaglia il nostro tanto amato, (ex) belpaese oramai da troppo tempo. PS: se sei un ragazzo minorenne e ricevi minacce, avances pesanti o offese su ask per favore non rispondere e racconta tutto ai tuoi. Se i tuoi non sono presenti e non puoi fare affidamento su di loro ignora le domande. Se la persona insiste rispondi semplicemente dicendo che alla prossima domanda andrai a denunciare tutto alla polizia. Se insiste ancora, sporgi regolare denuncia. Le autorità potranno risalire all'autore del reato. Mi raccomando è fondamentale che tu non ti tenga tutto dentro e che non dia spago alla persona che mette in atto certi comportamenti. [wp-rater]

Vota questo articolo:


Valutazione: 1.6/5 (14 voti)

Se già usi o conosci il sito appena recensito ma sei alla ricerca di valide alternative (GRATUITE) per rimorchiare facile e fare nuove conoscenze in rete clicca qui e meravigliati!

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *